SIBERIAN HUSKY
SIBERIAN HUSKY
SIBERIAN HUSKY
SIBERIAN HUSKY
Siberian Husky!
Martedì 26-9-2017
Ci sono 2 utenti online
Ore 14:43
Azienda apistica -miele - Link esterno

Leishmaniosi: informati! - Link esterno

Siberian Husky Rescue - Link esterno


Debora Segna istruttore cinofilo - Link esterno


Canadian Inuit Dogs - Link esterno


Best browser
Mozilla Firefox 2+
Testato su
MSIE 6+ - Google Chrome 3 -
Opera 7 - Konqueror 3

Best Res. 1024 X 768

Testi, foto, layout e programmazione
by Maurizio Guiducci
Questa opera è pubblicata sotto una
Licenza creative commons - Link esterno
Licenza Creative Commons

Note sulla licenza & credits


Realizzato con open software
MySql Data Base - Link esterno    PHP linguaggio Open Source - Link esterno


Validato consorzio W3C
Valid HTML 4.01 Transitional - Link esterno  w3c css


Punto Informatico, l'evoluzione della rete - Link esterno


Note sulla privacy


Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non è pertanto un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/3/2001
 

ULTIMA MODIFICA PAGINA: 14-7-13

Cani e letteratura

Torna a tutti i sunti >>>

La compagnia dei celestini
di Stefano Benni


Deodato, lo sfigato della compagnia, racconta il morso ricevuto dal cane più buono del mondo.

La compagnia dei celestini

...Su questo braccio vedete la cicatrice del morso di un cane. Questo cane, di nome Benigno, era il cane più mite del quartiere. In dodici anni di pacifica esistenza mai, neppure provocato o torturato dai monelli del quartiere, aveva emesso più di un ringhietto di protesta. Ma quella mattina nevicava e io indossavo guanti gialli e blu. Vidi Benigno venirmi incontro scodinzolando nella neve, e come spesso facevo, lo carezzai. Il suo muso si trasformò in quello di una tigre, e mi azzannò. Solo dopo una seduta di cinoipnosi tenuta dal dottor Walmer, ex-psicanalista ora veterinario del quartiere, Benigno rivelò il motivo del suo raptus. All'età di giorni venti era stato chiuso in un sacco e buttato nel fiume insieme ai suoi sette fratellini. Il sacco si era rotto e il solo Benigno si era salvato. Ebbene il malvagio affogatore era un uomo che portava guanti di lana gialli e blu! Così rivedendo i miei del tutto uguali, Benigno rivisse nel suo peloso inconscio il trauma infantile e si vendicò. Mi trascinò per venti metri, prima che mi liberassero...


LINK ESTERNI CORRELATI
www.stefanobenni.it
it.wikipedia.org/wiki/Stefano_Benni


TORNA A TUTTI I SUNTI

 

 

 

 

Segnalaci!  segnala questo sito ad un amico

  | Home | Chi siamo | Cani | Team | Un ricordo | Foto | La razza | Sport | Libri | Download |
| Video | Articoli | Approfondimenti | Forum | FAQ | Cartoline | Letteratura | | Rescue | Meteo |
| Link | NewsLetter | RSS-XML | E-Mail |