SIBERIAN HUSKY
SIBERIAN HUSKY
SIBERIAN HUSKY
SIBERIAN HUSKY
Siberian Husky!
Lunedì 25-9-2017
Ci sono 2 utenti online
Ore 06:17
Azienda apistica -miele - Link esterno

Leishmaniosi: informati! - Link esterno

Siberian Husky Rescue - Link esterno


Debora Segna istruttore cinofilo - Link esterno


Canadian Inuit Dogs - Link esterno


Best browser
Mozilla Firefox 2+
Testato su
MSIE 6+ - Google Chrome 3 -
Opera 7 - Konqueror 3

Best Res. 1024 X 768

Testi, foto, layout e programmazione
by Maurizio Guiducci
Questa opera è pubblicata sotto una
Licenza creative commons - Link esterno
Licenza Creative Commons

Note sulla licenza & credits


Realizzato con open software
MySql Data Base - Link esterno    PHP linguaggio Open Source - Link esterno


Validato consorzio W3C
Valid HTML 4.01 Transitional - Link esterno  w3c css


Punto Informatico, l'evoluzione della rete - Link esterno


Note sulla privacy


Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non è pertanto un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/3/2001
 

ULTIMA MODIFICA PAGINA: 03-2-14

Frequent Asked Questions

Cerca tra le FAQ, puoi usare anche una parola chiave:


...oppure fai tu una domanda >>

Sono stati trovati 287 risultati, suddivisi in 58 pagine.

Questa è la pagina 40


<< precedente    successiva >>

Domanda di GIANNI di Imperia:
Ho un husky di cinque anni e fin da quando è piccolo alla sera verso le 20 lo porto a dormire nella campagna che ho sotto casa dove rimane solo fino alle 12 del giorno dopo. Poi dalle 12 alle 20 sta in appartamento con me e la mia famiglia salvo quelle due ore in cui usciamo a fare la passeggiata quotidiana. Pensate che soffra la solitudine stando tutto questo tempo da solo in campagna?
In estate quando il cane respira affannosamente, gli giova se lo bagno con la manichetta dell'acqua? Magari la domanda è stupida ma ve lo chiedo perchè quando si accorge che lo sto per bagnare.....certe scene!
Vi ringrazio anticipatamente di cuore per la gentile collaborazione!

Risposta:
Beh, pensiamo il tuo Siberian abbia un suo spazio a disposizione e una sua cuccia. Se il suo atteggiamento è di cane soddisfatto, equilibrato, non tenta fughe e non fa danni, probabilmente è un animale cui basta il tempo che è con voi che evidentemente lo appaga in maniera corretta. Magari perché qualche volta non lo portate con voi nei fine settimana in qualche uscita più lunga? Ne trarrete tutti beneficio. D'estate, fermo restando di mettere a disposizione del cane sempre uno spazio d'ombra e acqua fresca, è possibile bagnare il suo pelo, meglio se con acqua vaporizzata e stando però ben attenti agli sbalzi eccessivi di temperatura. Può essere utile fornire al cane un vascone non profondo dove può a sua discrezione bagnarsi. Un cordiale saluto.


Domanda di Serena di Pisa:
Innanzi tutto complimenti per il bellissimo sito, poi volevo fare due domande.

1) Negli esemplari di Husky con gli occhi azzurri, le malattie che colpiscono gli occhi sono più frequenti?

2) Se un cucciolo ha come "zio" un husky colpito in tarda età da cataratta a un occhio, c'è la probabilità che possa ereditare questa malattia?
Grazie per la risposta.
Saluti,
Serena.

Risposta:
Sempre grazie per i complimenti, si accettano anche critiche però! Per quel che riguarda gli occhi azzurri, non è dimostrata nessuna relazione con malattie oculari. L'occhio chiaro è una peculiarità del Siberian e non è assolutamente legato a geni quali il Merle (che in omozigosi da problemi a livello generale), né tanto meno ai geni dell'albinismo. Per tanto oltre ad essere un occhio in tutto equivalente nella valutazione funzionale a quello con l'iride marrone non è neanche determinato da loci genetici che possono creare problemi anche gravi. Insomma è una diversa colorazione dell'iride (che può presentarsi anche eterocroma) e che anche lo standard accetta. La cataratta, se non è dimostrata una causa diversa (ad esempio trauma) va sempre prudentemente considerata come ereditaria. Non sappiamo cosa abbia detto il veterinario che l'ha diagnosticata; la cataratta congenita nel Siberian inizia a svilupparsi intorno l'anno di età, può avere diversi gradi di sviluppo e non è detta che la diagnosi possa essere anche molto tardiva (se il cane non è sottoposto a controlli specialistici). Per il cucciolo però non preoccuparti eccessivamente (o almeno non prima del tempo). Il grado di parentela è stretto ma non strettissimo. Quello che ti consigliamo (ma comunque andrebbe SEMPRE fatto prima di mettere in riproduzione un esemplare) è di effettuare una visita di controllo da uno specialista intorno l'anno e mezzo, due anni di età e seguire le sue indicazioni per eventuali altri controlli. Un cordiale saluto.


Domanda di Mike di Pisa:
Ciao a tutti, complimenti per il sito che mi è stato molto di aiuto per capire meglio la razza.
Ho acquistato una cucciola di Siberian che attualmente ha 3 settimane e, preferendo nei siberian husky gli occhi marroni o comunque scuri, mi chiedo: come dovrebbe averli adesso perchè ciò accada?
Guardandola da lontano sono molto scuri, delle "palline" tutte nere. Mentre da vicino, guardandola sotto la luce sono blu scuro, un colore blu profondo...
Se fossero chiari o azzurri si vedrebbe già da adesso?
La madre ha un occhio marrone e l'altro di due colori: metà marrone e metà celeste chiaro. Mentre il padre entrambi marroni.
Insomma vorrei avere le idee chiare circa "l'evoluzione del colore degli occhi" di un cucciolo.
A 60-70 giorni, quando arriverà a casa avrà già gli occhi del suo colore definitivo?

Risposta:
Grazie per i complimenti al sito, sempre graditi. Nel cucciolo gli occhi hanno invariabilmente un colore abbastanza chiaro e indefinito, questo fa restare indecisi sul loro colore definitivo fino ad almeno un mesetto, un mesetto e mezzo. In realtà un occhio come quello che descrivi a 3 settimane, cioè di un colore blu scuro fa pensare ad un futuro occhio marrone (od anche un eterocromo con dominanza del marrone). Un metodo per definire se gli occhi sono marroni certi (ma no sicuramente in caso negativo azzurri), valido già da quando i cuccioli aprono gli occhi, è quello di usare una lampadina tascabile mettendola vicino ed in asse con i propri occhi puntandola in una stanza scura in quelli del cucciolo. In questo modo viene riflesso il fondo dell'occhio. Ora in caso di occhi marroni il nel fondo è presente una struttura (tapetum lucidum) che ha la funzione di amplificatore di luce notturno e che riflette un bel verde. Nell'occhio chiaro (ma anche negli eterocromi ed in alcuni marroni chiaro) invece questa struttura manca ed il fondo riflette un colore rosso.


Domanda di Irene di Firenze:
Ho una cucciolina di 3 mesi e vorrei porre una domanda a proposito del suo cibo. Fino a poco tempo fa mangiava il cibo secco al pollo, adesso non le piace piu' e mostra svogliatezza nel mangiarlo. Ho provato a comprarle il mangime con agnello e riso che decisamente ama di piu'. Il problema e' che ho letto che i SH non digeriscono il riso... e' vero? Grazie in anticipo per la risposta!

Risposta:
Il Siberian Husky sicuramente digerisce poco i carboidrati e gli amidi in particolare, probabilmente per il deficit di un enzima pancreatico (l'amilasi). Cio' non vuol dire che non puo' mangiarne. Ogni mangime poi ne contiene con origine da fonti diverse. Il riso e' senza dubbio un'ottima fonte. La cosa da vedere e' semplicemente che l'animale digerisca bene il mangime e che quindi faccia feci composte. Detto cio' quello che ti consigliamo e' comunque di non entrare nella spirale: il cane si stufa di un mangime, gliene prendo un altro. Il Siberian Husky e' un cane molto capriccioso e rischieresti di avere un animale inappetente e che spesso vuol cambiare cibo. Sconsigliati sono anche i bocconcini dalla nostra tavola. Offri alla tua compagna sempre lo stesso alimento ad intervalli regolari e tieni sempre presenti i consigli del tuo veterinario. Un cordiale saluto.


Domanda di SILVIA di Cologno monzese:
Ciao a tutti come và? Rieccomi qui a parlarvi della mia kira!! Sono un po' scoraggiata, ieri ne ha combinata un'altra delle sue!!! Siamo andate al parco davanti casa, con l'intenzione di slegarla (capita molto raramente poiche' scappa sempre in mezzo alla strada), avevo portato anche la palla visto che è l'unico mio potere su di lei quando è slegata, a meno che ci sia il suo amichetto Argo (un pastore tedesco) col quale fa lunghe corse ma senza scappare oltre il parco!! Quindi la slego e dopo una decina di minuti che corre avanti e indietro, senza nemmeno guardare la palla che lanciavo verso di lei, scappa verso la strada!!!! La chiamo per molte volte ma non torna indietro!!!!! Non pretendo che torni alla prima volta ma almeno all'ottava sì!!!!! Ma il bello deve ancora arrivare...vede un cagnolino, gli va vicino si scambiano 2 annusatine e via di corsa all'inseguimento. Il cagnolino si dirige verso casa sua, entra in giardino, sale le scale, va su in casa e kira dietrooooooo!!!!! Io imbarazzatissima mi scuso con i padroni di casa!!!! Per fortuna hanno capito e non hanno fatto storie ma io ero sull'orlo di una crisi di nervi! Sono tornata a casa, le ho dato qualche sberletta (e non le maniere forti che invece mi consigliano gli altri padroni) l'ho messa in punizione tutto il giorno ma stamattina non ho osato slegarla!!! Mi hanno detto che se non le ho insegnato a tornare quando era piccola, non glielo insegnero' piu'!!! Ma cosa posso fare, non voglio picchiarla o metterla in punizione a vita, ne' tanto meno tenerla al guinzaglio per sempre per paura che scappi!! Cosa mi consigliate??? In cosa sbaglio????

Risposta:
Beh, sicuramente sarà stata una scenetta piuttosto buffa! Il fatto è che meno la sleghi e più lei approfitta delle rare occasioni che le si presentino. Capiamo che hai un pò di timore, però... Puoi provare a slegarla a lungo, chiamarla poi solo quando non sta facendo nulla che la interessi particolarmente, facendole capire che all'arrivo avrà un premio, palla o ghiottoneria che sia. Dopo averla premiata, anche alla centesima volta che la chiami, rilasciala andare. Fai questo molte volte affinchè lei non associ il richiamo al guinzaglio. Se va in visita a casa di qualcuno, pazienza. Richiamala, avvicinala con discrezione, non rincorrerla mai, anzi fai finta di andare via chiamandola. Sappi che sono molto furbacchioni, capiscono le nostre apprensioni e ne approfittano, quindi cerca di essere tranquilla e di non mostrare ansie. Il principio più efficace è: premio ogni volta che torna; punizione solo quando la prendi suo malgrado, durante le fughe. Questo è però difficile. Tieni presente che "perdi la faccia" se la chiami, lei non viene, tu la rincorri e non riesci a prenderla. Insomma armati di pazienza e facci sapere come va. E' giustissimo però che i rimproveri debbano essere decisi, ricorda che non funzionano se fatti a distanza, anche relativamente breve, dall'azione che li ha provocati. Buon lavoro!


<< precedente    successiva >>

 

 

 

 

Segnalaci!  segnala questo sito ad un amico

  | Home | Chi siamo | Cani | Team | Un ricordo | Foto | La razza | Sport | Libri | Download |
| Video | Articoli | Approfondimenti | Forum | FAQ | Cartoline | Letteratura | | Rescue | Meteo |
| Link | NewsLetter | RSS-XML | E-Mail |