SIBERIAN HUSKY
SIBERIAN HUSKY
SIBERIAN HUSKY
SIBERIAN HUSKY
Siberian Husky!
Lunedì 25-9-2017
Ci sono 2 utenti online
Ore 06:19
Azienda apistica -miele - Link esterno

Leishmaniosi: informati! - Link esterno

Siberian Husky Rescue - Link esterno


Debora Segna istruttore cinofilo - Link esterno


Canadian Inuit Dogs - Link esterno


Best browser
Mozilla Firefox 2+
Testato su
MSIE 6+ - Google Chrome 3 -
Opera 7 - Konqueror 3

Best Res. 1024 X 768

Testi, foto, layout e programmazione
by Maurizio Guiducci
Questa opera è pubblicata sotto una
Licenza creative commons - Link esterno
Licenza Creative Commons

Note sulla licenza & credits


Realizzato con open software
MySql Data Base - Link esterno    PHP linguaggio Open Source - Link esterno


Validato consorzio W3C
Valid HTML 4.01 Transitional - Link esterno  w3c css


Punto Informatico, l'evoluzione della rete - Link esterno


Note sulla privacy


Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non è pertanto un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7/3/2001
 

ULTIMA MODIFICA PAGINA: 03-2-14

Frequent Asked Questions

Cerca tra le FAQ, puoi usare anche una parola chiave:


...oppure fai tu una domanda >>

Sono stati trovati 287 risultati, suddivisi in 58 pagine.

Questa è la pagina 43


<< precedente    successiva >>

Domanda di Loris di Roma:
Ciao sono Loris.
Da 4 mesi,dopo un'oculata scelta,convivo con una bellissima cucciolotta Siberiana di nome Kaya.
Ora ha 6 mesi...Diciamo che fino ad ora ho passato praticamente ogni giorno quasi
completamente con lei facendo un tipo di lavoro che mi permette di farlo,
cosi' ho potuto seguirla molto nell'educazione e lei si e' dimostrata prodiga di buona volonta'
e di intelligenza...Ho solo qualche piccolo problema.
1)Alle volte tira quando e' al guinzaglio, ho provato anche con dei bocconcini e dei giochi
in mano mentre passeggiamo ma la cosa non la attrae...la fermo e la strattono piano quando
comincia a tirare ma non sempre mi ascolta.
2)Piu' di una volta quando inizia a masticare qualcosa che raccolglie da terra cerco di fargli capire
che non deve e gliela tolgo dalla bocca,quando era piu' piccola spesso mi ringhiava
(come quando ho provato a dargli l'osso) e mordeva la mano,quando
la sgridavo le si arrabbiava ancora di piu',abbaiava e mi saltava addosso dando l'impressione di volermi
attaccare.Per ora non lo ha piu' fatto con me, ma l'ha fatto con mia madre che la porta a passeggio ogni tanto la mattina....
Come bisogna comportarsi in questi casi?Il fatto e' che da' retta solo a me...mia madre non ha molta autorita'
su di lei....pensa che se manca da casa anche per giorni al suo ritorno non si smuove neanche per andarla a salutare,
se manco io anche solo per un 'oretta mi copre di feste e mi aspetta dietro la porta,
a meno che non sia profondamente addormentata.
3)A passeggio quando e' al guinzaglio (estensibile) ogni tanto quando si allontana "testo" il richiamo, alle
volte se non viene basta che io le faccia capire che ho voglia di giocare ,mi giro e faccio due tre passi di corsa allontanandomi
che subito mi corre appresso, poi quando arriva se la prende invece che con me con il guinzaglio.E'' normale.Che posso fare.
4)La poprto spesso in un grande parco in compagnia di altri cani e molto spesso alza il pelo sulla groppa ma non da' segni di aggressivita',forse perche' ancora non si e' inserita all'interno del branco?Quando gioca spesso guaisce per fare capire agli altri cani (adulti) di smetterla e se proprio si sente "minacciata" si va a mettere sotto un tronco buona buona e non si muove.E' un comportamento normale oppure la mia cucciola e' un po' timida??
Scusate per la prolissita'....Grazie del vostro sito pieno di consigli, e anticipatamente per la risposta :o)

Risposta:
Innanzitutto ti diciamo che la tua cucciolona più che timida probabilmente ha un'indole dominante! Andiamo comunque per gradi:
1) la condotta al guinzaglio. E' bene usare, durante il condizionamento, un guinzaglio non estensibile ed un collare a strozzo (non ti preoccupare non è assolutamnete un problema per il cane). Assolutamente non è da usare la pettorina. La tecnica è quella di non opporsi al cane (che altrimenti tirerebbe ancora di più) ma di procedere allentando il guinzaglio e, appena il cane va in tiro, dare una secca strappata; questo in continuazione. E' un esercizio un po' faticoso ma da buoni risultati. Tieni presente che la tua cagnolina è comunque giovane ed a questa età è normale sia esuberante.
2) E' bene sempre impedire al cane di ringhiarci (assolutamente) e di giocare pesantemente con le nostre mani od anche col guinzaglio (che il cane considera un'estensione del nostro braccio). E' bene che sia tu che tua madre sgridiate risolutamente il cane in questi casi. Questo vale anche per il tuo quarto quesito. Che la cagnolina abbia poi delle preferenze "gerarchiche" è abbastanza normale.
4) L'atteggiamento al parco da l'idea di un cane tendenzialmente dominante, alle volte tipico anche dei cani che vivono in casa (si sentono tutti un po' capobranco) durante i primi contatti con loro simili, così come l'atteggiamento di mettersi per i fatti suoi una volta "scocciata".
Ti ringraziamo.


Domanda di Michele di Reggio Emilia:
E' preferibile nutrire un Husky con crocchette e cibi già pronti oppure con cibi "casalinghi", fatti da noi? E' vero che non bisogna dargli ossa da mangiare?
Grazie

Risposta:
Personalmente preferiamo, oltre che per la praticità, l'uso delle crocchette industriali. Si tratta di prodotti già bilanciati ed integrati ed è possibile trovare la linea adatta all'età, all'attività ed alla taglia del proprio cane. Preferiamo in ciò il secco all'umido perché consente un minimo di masticazione. Le ossa le useremmo invece con molta parsimonia (e assolutamente solo quelle spugnose, tipo ginocchio di bovino; pericolosissime sono quelle di pollo e coniglio ed in generale tutte le ossa lunghe). Quantità modiche e molto dilazionate nel tempo. L'osso è più uno sfizio per l'animale, utile senz'altro per la pulizia dei denti, non serve per l'apporto in calcio in quanto questo è già presente nei prodotti commerciali e dovrai comunque aggiungerlo come integrazione se farai dei cibi casalinghi. Tieni inoltre presente che troppe ossa, soprattutto nei cuccioli in cui andrebbero evitate, possono irritare l'intestino del cane.


Domanda di Michele di Reggio Emilia:
Il pedigree è meglio prenderlo anche se si ha intenzione di sterilizzare un cucciolo?

Risposta:
Il pedigree accompagna qualsiasi cane di razza. E' quindi un falso problema. O meglio, il pedigree dovrebbe essere sempre presente quando parliamo di selezione canina e di cani di razza. Il documento ci da informazioni sulla genealogia del soggetto. Se abbiamo deciso di avere un cane di una determinata razza, un cane di razza dobbiamo cercare. Altrimenti è senz'altro più condivisibile (ed encomiabile) il prendere il cane ad un rifugio o ad un canile municipale. Dietro il commercio dei cani si nascondono traffici allucinanti fatti sulla pelle di questi animali. Spesso la mancanza del pedigree (o pedigree Est europei) sono il campanello d'allarme che con trafficanti senza scrupoli ci si trova a trattare e non con allevatori. Alle volte può essere solo disattenzione per un privato; assolutamente non ci devono essere offerte differenziate (x euro senza pedigree, x moltiplicato 3 con pedigree), quantomeno poco serie, senz'altro non giustificate economicamente, spesso vere truffe. Il problema pensiamo quindi non si debba porre, un buon cane avrà sempre il suo certificato genealogico (che comunque andrà interpretato, magari con l'aiuto dell'allevatore). Il fatto che l'animale potrebbe non riprodursi (od essere sterilizzato) non incide in questa ottica. In alternativa, un serio allevatore potrà proporre dei soggetti meno promettenti ai fini espositivi e cederli a prezzo inferiore (specificando il perché), o addirittura (in caso di difetti palesi) in affidamento gratuito. Il pedigree in questo ultimo caso (gratuito) va annullato ma il discorso è diverso, si tratta di cani con difetti, ovviamente non di salute ma solo morfologici (che vanno chiariti bene per iscritto), e che l'allevatore ritiene non debbano, neanche ipoteticamente, riprodursi.


Domanda di Michele di Reggio Emilia:
Io non ho ancora un husky (ma probabilmente lo prenderò tra una settimana :)!), ma vivendo abbastanza vicino ad un contadino che ha delle galline, volevo chiedere come si fa ad insegnare al Siberian a non mangiarle....

Risposta:
Bel problema! E' vero che il Siberian se preso cucciolo e se cresciuto insieme ad altri animali li considera parte del suo branco ma è pur vero che un Siberian Husky considererà tutte le altre potenziali "prede" come libera caccia. Se quindi, come immaginiamo sia, il tuo cane non crescerà in contatto costante con le galline, il problema senz'altro si pone. Fermo restando che un cucciolo sarà comunque potenzialmente pericoloso nell'irruenza dei suoi giochi, è abbastanza difficile condizionare un Siberian Husky ad inibire il suo istinto alla caccia che in questo cane è molto forte. O meglio, ci saranno soggetti che risponderanno alle sgridate non cacciando, altri che non cacceranno in nostra presenza ma lo faranno appena gireremo lo sguardo, altri in cui l'istinto sarà talmente forte da ignorare addirittura i nostri condizionamenti. L'unica soluzione veramente sicura (ma tenta comunque di condizionare, sgridandolo, il tuo cane a non cacciare le galline del tuo vicino e questo fin dall'inizio) sarà quella di recintare, sperando per altro il tuo vicino tenga a sua volta le galline protette in un sicuro pollaio. In alternativa puoi costruire un recinto per il cane in cui questi sarà in tua assenza, e gestirlo in libertà (molto prudentemente) in tua presenza.


Domanda di Michele di Reggio Emilia:
C'è differenza tra un cucciolo maschio ed uno femmina? Ovvero, è normale che un privato venda dei cuccioli maschi a 800'000 lire (quindi circa 413 Euro) e invece venda le femmine a 250 Euro (poco più della metà!)?
PS.Il sito è FANTASTICO!! Complimenti!

Risposta:
Un grazie sincero per i complimenti! L'unica differenza tra maschi e femmine è quella caratteriale: il maschio più riservato e tranquillo (ma non per questo meno espansivo), la femmina più "eterna cucciola" e più peperino. Altre differenze non ve ne sono oltre ovviamente quelle morfologiche. Il problema del calore è un falso problema. Resta dunque solo la nostra preferenza individuale. Non esiste nessun motivo per cui un cucciolo femmina debba avere un costo inferiore ad un maschio. Stiamo parlando ovviamente di cani corretti sia morfologicamente che caratterialmente e questo tipo di discorsi (differenziazione del prezzo) sono solo commerciali. Altri che non il sesso sono i parametri di valutazione: le garanzie rilasciate, la qualità dei genitori, le caratteristiche morfocaratteriali del cucciolo, l'esperienza ed il lavoro dell'allevatore, l'assistenza che questi ci fornirà dopo la cessione. Personalmente non facciamo distinzioni per il sesso. Può succedere che un cucciolo presenti difetti veniali (morfologici non di salute!) ed eventualmente può essere ceduto ad un prezzo inferiore (specificando bene e per iscritto il difetto), oppure che un cucciolo con difetti un po' più vistosi sia ceduto in affidamento gratuito. Il consiglio generale è quello di visitare più di un allevamento (che sia un allevamento, chi tratta più di 3 razze di solito è solo un venditore!), non farsi prendere dall'entusiasmo, vagliare i cani e, soprattutto, le persone e quindi scegliere di chi fidarsi.


<< precedente    successiva >>

 

 

 

 

Segnalaci!  segnala questo sito ad un amico

  | Home | Chi siamo | Cani | Team | Un ricordo | Foto | La razza | Sport | Libri | Download |
| Video | Articoli | Approfondimenti | Forum | FAQ | Cartoline | Letteratura | | Rescue | Meteo |
| Link | NewsLetter | RSS-XML | E-Mail |