telefono  - 3396104662   -   @E-MAIL

siberian_husky_19.jpg

... sei qui:

News & Blog

Gli occhi del Siberian Husky

Cucciolo a 12 giorni

Solo qualche curiosità... Alla nascita il cucciolo di cane è cieco e sordo e per orientarsi verso la madre utilizza esclusivamente il "tatto", nello specifico sente il calore del corpo materno e ci si dirige. Effettua dei "buffi" ondeggiamenti del corpo per orientarsi. Il suo movimento avviene strisciando. La rapidità iniziale con cui il cucciolo sente la madre, si dirige verso le mammelle ed inizia la suzione del latte è indice della sua vitalità alla nascita. Alla nascita il cucciolo ha anche una termoregolazione "non sviluppata" e la sua temperatura corporea è generalmente più bassa di quella di un adulto.

Con ovvie differenze individuali e di razza, gli occhi iniziano ad aprirsi tra il decimo giorno e le due settimane (la visione viene poi "acquisita" poco a poco). Un po' più tardi comincia ad udire. In questo periodo il cucciolo inizia anche i tentativi di "passeggio" sulle quattro zampe. E' sempre più reattivo agli stimoli esterni. Nel Siberian la colorazione dell'iride può presentarsi scura (marrone) e, a differenza della maggior parte delle altre razze, azzurra ed eterocroma (in molte varianti possibili, anche nello stesso occhio) (ed ambra, generalmente nei cani rossi). Questo è riportato anche nello Standard di razza. Il colore chiaro dell'occhio, per chi mastica un po' di genetica, nel Siberian Husky non è determinato ne' dal gene Merle, ne' dal gruppo dell'Albinismo. Non è legato a nessuna tara fisica ne' a difetti visivi. Quindi, come anche codificato nello Standard per la morfologia, pur dal lato sanitario non è un carattere da "ricercare" ne' da "evitare" (diverso è il discorso riguardo le oculopatie ereditarie, ma quello è ben altro argomento). Gli occhi appena aperti non danno idea del loro colore, non immediatamente. Però riflettono diversi colori dal fondo della retina. Questo perché il fondo dell'occhio azzurro od eterocromo generalmente è privo di una struttura, chiamata Tapetum Lucidum, che serve ad "amplificare" la luce (ai bassi livelli d'illuminazione) e che riflette verde. La retina senza tapetum, riflette rosso (a causa dei vasi sanguigni di cui è ricca). Quindi, armandoci di lampada frontalina (serve una luce abbastanza puntiforme messa in asse col nostro occhio) in ambiente buio possiamo osservare come il fondo rifletta. Se verde, l'occhio sarà sicuramente marrone. Se rosso, l'occhio può presentarsi con buona frequenza azzurro od eterocromo. Comunque, visto che un fondo rosso potrebbe essere presente anche in un occhio con iride marrone (magari con un'inapparente eterocromia), la certezza che si può avere è solo sull'occhio scuro. Il tutto è a titolo di sola curiosità, ovviamente. Per curiosità ci capita di osservarli e per curiosità ve la raccontiamo (crediamo sia cosa interessante visto che è una delle caratteristiche di questa razza). Pensiamo che assolutamente non si debba "far selezione" su questo carattere e, soprattutto, che quando si cerca un cane, prima delle caratteristiche estetiche secondarie ci si debba informare sul carattere della razza, sulle sue necessità e sulle nostre possibilità e capacità ad esaudirle (e per noi può essere anche un modo per capire il potenziale proprietario). Per il resto se l'allevatore è degno di questo nome (c'è molta confusione su questo termine), il cane sarà sicuramente corretto anche morfologicamente.

...condividi!

 

 

 Per avere informazioni, fissare un appuntamento e venirci a visitare ecco i contatti:

tel. 3396104662

@E-MAIL