telefono  - 3396104662   -   @E-MAIL

siberian_husky_05.jpg

... sei qui:

News & Blog

Il lupo: linguaggi

Vogliamo mostrarvi alcuni disegni relativi al lupo, e tratti dal libro, datato quanto famoso, del prof. Luigi Boitani "Dalla parte del lupo", che mostrano una serie di atteggiamenti e di mimiche ritualizzate nell'incontro tra diversi individui.
Generalmente questo linguaggio, che viene diversamente traslato anche nel gioco (l'importanza del gioco è fondamentale per la stabilità del branco e per l'apprendimento), serve a tenere coeso ed in equilibrio il branco evitando le situazioni di scontro reale al minimo.

Il cane "conosce" tutto questo set di atteggiamenti e li mette anche in opera. Con tutte le valutazioni comunque da fare (!!!) quando si tratta di cani, tanto per citare sempre Boitani, che "sono una miscuglianza fatta dall'uomo". Con molti soggetti che sono gli unici esemplari della loro specie nel branco misto con questo "complesso" primate.
Ricordiamo anche che, almeno alle nostre latitudini, il branco di lupi è generalmente a carattere familiare, troviamo la coppia "anziana" ed i giovani spesso nati nella precedente stagione. Giovani che spesso entrano poi in "dispersione" andando a fondare altri branchi, anche a distanze notevoli. Sono quindi rapporti che evolvono da relazioni parentali.
Infine sottolineiamo che le lettere Alfa e Beta sono usate per comodità nel descrivere le relazioni tra i due lupi raffigurati. In realtà poi i rapporti in un branco sono generalmente molto più dinamici e complessi.
Vogliamo fornire queste immagini per avvicinare molti proprietari al linguaggio, spesso frainteso, del loro compagno a quattro zampe. Spesso vengono prese per zuffe, zuffe che tali non sono. Spessissimo è il nostro atteggiamento a far degenerare una situazione che altrimenti troverebbe autonomamente il suo equilibrio.

 

Lupi - contatto neutrale

Contatto neutrale; l'individuo di destra è il subalterno. Situazione di equilibrio, il lupo beta mostra segnali di sottomissione tirando le orecchie indietro e tocchettando le labbra dell'alfa col muso. Atteggiamenti tipici del cucciolo come tutti gli atteggiamenti che tendono ad inibire l'aggressività dell'altro.

 

Lupi - sottomissione attiva

Sottomissione attiva; l'individuo beta mostra maggiore "paura" mostrando una fase di sottomissione più marcata. Tende ad abbassarsi ed abbassare ulteriormente la coda. Generalmente questo avviene nei confronti di soggetti dominanti e difficilmente lo vedrete nei parchi cittadini dove tutti si sentono un po' "capobranco". Questi atteggiamenti, invece fedelmente riprodotti, si possono facilmente osservare in branchi di animali che si conosco in canile e vivono una vita di branco (ne vediamo) e nei branchi di cani randagi.

 

Lupi - piena passività

Piena passività; atteggiamento tipico nei cuccioli e che ha la massima inibizione nei confronti dell'aggressività del dominante. Il beta mostra le parti vulnerabili, gola e pancia.

 

Lupi - confronto

Confronto dove il dominante, a differenza delle precedenti, mostra una fase di maggiore aggressività e dove probabilmente ci si trova di fronte a soggetti di rango affine. Il lupo che subisce "l'attacco" mantiene un comportamento attivo mostrando comunque la gola. Ciò inibisce l'aggressività dell'attaccante. La situazione è di minor equilibrio rispetto le precedenti ma difficilmente il confronto supera una fase di teatralità ritualizzata.

 

Lupi - confronto/affronto 

Confronto con entrambi i lupi che si affrontano. Alla "domanda" aggressiva il secondo lupo, di rango affine, risponde con atteggiamento di difesa attiva, coda alta, orecchie drizzate, fronteggiamento, ringhio. Questa è la situazione che può degenerare in una lotta (che comunque anch'essa ha una serie di "scappatoie rituali"). Può anche avvenire che i due soggetti, dignitosamente, si affrontino e si allontanino lentamente.

Commentate quest'articolo sul forum!

...condividi!

 

 

 Per avere informazioni, fissare un appuntamento e venirci a visitare ecco i contatti:

tel. 3396104662

@E-MAIL